Un gruppo di ricercatori dell'Università australiana di Canberra ha pubblicato sulla rivista scientifica British Medical Journal Open i risultati di uno studio svolto su quasi 15mila donne tra il 2008 e il 2013 (ndr. studio segnalato  dall'agenzia Ansa),  giungendo alla conclusione che l'aver messo al mondo uno o più figli non è di per sè causa di aumento di peso sul lungo periodo. E' emerso, infatti,  che la maggior parte delle donne ha guadagnato un po' di peso ma la differenza fra chi ha avuto figli e chi non li ha avuti è risultata insignificante.  

Gli studiosi hanno analizzato l'indice di massa corporea (Imc) prima e dopo la gravidanza e hanno comparato i tassi di parto cesareo, di diabete gestazionale, di disturbi di pressione sanguigna e di problemi di salute neonatali. Hanno, inoltre, seguito il peso di 8000 giovani donne sopra i 15 anni, comparando i risultati fra chi è diventata madre e chi no. "Le donne che hanno avuto figli non sono aumentate di peso in misura diversa da quelle che non ne hanno avuti" scrive la responsabile del progetto, la docente di nutrizione e dietetica Cathy Knight-Agarwal. Piuttosto sembrerebbe che i probabili fattori di aumento di peso siano la disoccupazione e la depressione: "Non è tanto questione di reddito, ma, se la persona non ha un lavoro pagato, ha più probabilità di subire un maggiore aumento di peso" scrive ancora Cathy Knight-Agarwal. Lo studio ha esaminato altri fattori che influenzano l'aumento di peso e ha osservato che l'istruzione universitaria e alti livelli di esercizio fisico sono indicatori di minori aumenti di peso.

Ricordate, però, care mamme, che non è vero che durante la gravidanza la futura madre deve mangiare per due: "Le donne non hanno bisogno del doppio di calorie quando sono incinte. Hanno bisogno solo di un poco di più, di circa 300 calorie in più. Dovrebbero concentrarsi non nel volume di cibo, ma nel mangiare cibi sani, ricchi di nutrimento".